Cronaca

Cilento, spiagge devastate da cafoni

Ogni anno, dopo Ferragosto, si fa la conta dei danni per quanto riguarda le azioni vandaliche causate da cafoni sulle spiagge e aree pic nic all’interno del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Presi di mira soprattutto i litorali di Capaccio Paestum e di Camerota. Rifiuti, resti di falò, tendopoli è lo spettacolo indegno lasciato da chi ha deciso di passare Ferragosto in riva al mare senza rispettare le più basilari regole civiche di convivenza.

Sulle spiagge di Capaccio Paestum un vero e proprio scempio commesso da sciacalli che hanno lasciato sulle spiagge rifiuti di ogni genere, nonostante ci fossero tutti i secchi per la raccolta differenziata e sia vietato accendere falò.

Gli operai comunali sono stati costretti a fare gli straordinari per rimuovere i rifiuti e i resti di falò appiccati.

Il sindaco di Capaccio non ci sta e ringrazia ironicamente tutte quelle persone che durante la notte di Ferragosto ha violentato le spiagge del comune lasciandole sporche.

Ma ciò non bastava, perché, a quanto pare, si sono registrati atti vandalici a spese degli stabilimenti balneari collocati lungo la costa. Stessa situazione a Camerota, in particolare tra il lido “Il Viottolo” e il campeggio “Pineta”, lungo la spiaggia del Mingardo.

In seguito ai balordi di Ferragosto, la spiaggia alle spalle della pineta è stata ripulita da volontari e operatori ecologici che hanno riportato la situazione alla normalità.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina