CronacaPRIMO PIANO

Bimbo suicida Napoli, il gesto dopo un folle gioco social

Bimbo suicida Napoli, il gesto dopo un folle gioco social. La tragica scoperta degli inquirenti che stanno indagando sul caso. Il bambino era perfettamente integrato.


La tragedia del piccolo di 11 anni che si è tolto la vita, a Napoli, lanciandosi dal balcone di casa, perché istigato al suicidio da un assurdo gioco social impone a tutti un’immediata riflessione”. Lo scrive su Facebook il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia commentando la tragedia dai contorni ancora tutt’altro che chiari che ha acceso le luci sullo strano fenomeno delle catene dell’orrore inviate su Whatsapp, Facebook, Instagram e Tik Tok.

Bimbo suicida Napoli, il gesto dopo un folle gioco socia

Ma cosa lega la morte di un bambino e uno stupido gioco denominato “Jonathan Galindo” che sembra ripercorrere l’iperbole della mania della Blue Whale? Ciò che ha portato gli inquirenti ad avallare tale ipotesi è l’ultimo messaggio che il ragazzino ha scritto alla madre, scusandosi e parlando di dover seguire l’uomo nero con il cappuccio.

“Mamma, papà vi amo ma devo seguire l’uomo col cappuccio”

Gli inquirenti non escludono possa essere stato vittima di un gioco che si svolge totalmente on-line, che comprende atti di autolesionismo fino al suicidio. Secondo quanto emerso finora, sembra che il ragazzo, residente con la famiglia nel quartiere Chiaia della città, fosse sano e felice, praticava sport ed era perfettamente integrato. 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina