EventiPRIMO PIANO

Il Cilento ricorda Carlo Acutis

Anche Vallo della Lucania ricorda la memoria del beato Carlo Acutis che la Chiesa celebra oggi. Il giovane Carlo si recava nella parrocchia della Madonna delle Grazie a Vallo, dove pregava la Madonna che qui è presente.

Carlo Acutis morto di leucemia fulminante all’età di 15 anni, era legatissimo al Cilento dove la famiglia materna trascorreva abitualmente le vacanze estive. Il futuro patrono di internet, le cui spoglie riposano ad Assisi e ricordato anche da papa Francesco nell’esortazione apostolica Christus vivit, è stato in grado di rinnovare nei giovani l’amore per Gesù Eucaristia anche grazie alla Mostra sui Miracoli Eucaristici che ha toccato i cinque continenti. Una mostra in cui è presente anche il prodigio delle ostie incorrotte di San Mauro La Bruca.

Tra le tante iniziative promosse nella Diocesi vallese si segnalano quelle della Parrocchia San Nicola a Perito con momenti di preghiere e riflessione che terminano stasera, nella Parrocchia della Natività della Vergine Maria a Roccadaspide con l’inizio dell’anno catechistico in occasione delle festa del Beato, e la Parrocchia di San Pietro e Paolo ad Agropoli dove è in programma una tre giorni di eventi di meditazione e di preghiera nella Chiesa di San Francesco dove sono custodite le reliquie del giovane Carlo.

A Vallo, che conserva la reliquia del beato Acutis, questa sera la messa verrà celebrata alle 19 da padre Pietro, il francescano che da sabato accompagna i giovani e le coppie in un cammino di riflessione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina