Cronaca

GIFFONI VALLE PIANA – Spara alla compagna e poi si toglie la vita

Ha prima sparato alla donna con la quale aveva una relazione, forse per questioni di gelosia  e poi si è tolto la vita. E’ accaduto questa mattina all’esterno delle piscine del Fiore Club a Campigliano nella frazione di Giffoni Valle Piana.

L’uomo avrebbe avuto una discussione con la donna e poi ha estratto l’arma facendo fuoco. Dopo averla colpita si è puntato la pistola contro e ha sparato. Entrambi in un primo momento erano stati ricoverati in condizioni gravissime all’Ospedale “Ruggi” di Salerno, ma sono morti poco dopo. La sparatoria è avvenuta mentre all’interno della struttura si svolgevano alcune gare di nuoto.

Sul posto il Nucleo Investigativo e i Carabinieri della Compagnia di Battipaglia per ricostruire la dinamica ed eseguire i rilievi del caso. I due erano sposati ma in fase di separazione. A sparare Salvatore Varavallo, 35 anni, nato a Caserta; la moglie si chiamava Giustina Copertino, 29 anni, di Napoli.

Stamane Varavallo, muratore, è arrivato al club sportivo di Giffoni dove il figlio era impegnato in una gara di nuoto. Varavallo ha esploso contro la donna 5 colpi di pistola. Poi si è recato sul piazzale del club Fiore e ha sparato cinque volte contro l’auto del suocero, una BMW scura. Infine è tornato accanto al corpo esanime della moglie e le ha esploso contro altri due proiettili, a bruciapelo, per infliggerle il colpo di grazia.

Nei successivi momenti di paura e concitazione, un uomo uscito all’esterno del club gli ha gridato di abbassare l’arma. Mentre la donna veniva soccorsa dai sanitari del Vo.Pi di Pontecagnano lui l’ha ricaricata e se l’è puntata alla tempia e dopo due tentativi andati a vuoto, ha esploso il colpo del suicidio.  La coppia aveva due figli, di 9 e 4 anni. Il bambino più grande era impegnato nella gara di nuoto regionale all’interno del club Fiore di Giffoni,  dove Varavallo si è recato a bordo della sua auto di colore rosso, rimasta parcheggiata nel piazzale del club.

L’uomo non aveva precedenti penali. Ha sparato con una pistola calibro 9×21, con la matricola abrasa. Da una prima ricostruzione pare che l’uomo abbia intercettato la posizione della donna grazie a un post della donna su facebook. Nel giubbotto di Varavallo sono stati trovati altri 34 proiettili e un coltello.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina