Sport

Campania – 24.000 frane

A distanza di 60 anni dell’alluvione del 1954 a Salerno e Costiera Amalfitana, Domenico Calcaterra, docente di geologia dell’Università Federico II di Napoli, ha affermato che, da allora, la situazione territoriale non è cambiata molto. In Campania sono state censite ben 24mila frane. I geologi hanno mostrato loro le carte geologiche spiegando il perché dei rischi naturali. Si sono soffermati soprattutto a Vietri sul Mare.

<<Bisogna essere chiari – ha affermato il presidente dell’ordine dei geologi della Campania, Francesco Peduto – a distanza di 60 anni in tante aree permangono elementi di rischio tanto è che sulle mappe dell’autorità di bacino competente, sono riportate come zone rosse a rischio R4 molto elevato. Oggi purtroppo in Italia non solo mancano interventi strutturali di prevenzione ma il cittadino non sa cosa fare in caso di eventi alluvionali o sismici. In Italia e questo è un dato ufficiale , il 50 per cento delle vittime per rischio sismico le abbiamo per azioni o comportamenti sbagliati da parte delle persone . Ad esempio in caso di un alluvione non bisogna mai andare nei sottoscala.

La gente non è informata, non sa nulla, non sa cosa fare, spesso si sente smarrita, persa quando in Italia c’è un evento alluvionale o sismico.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina