AttualitàCronaca

Terremoto – Morti e paesi rasi al suolo nel centro d’Italia

Due scosse hanno svegliato il centro Italia in piena notte.

Alle 3.36 la prima, dopo circa un’ora la seconda. E poi altri sismi più lievi. Da Roma a Perugia, dal Lazio alle Marche e Abruzzo, passando per l’Umbria.

Interi paesi rasi al suolo e tanti morti causati dalla scossa di magnitudo 6.0 con epicentro nei pressi di Accumoli e che ha interessato soprattutto Amatrice, Arquata, Pescara del Tronto e appunto Accumoli.

L’ipocentro è stato registrato a soli 4 km di profondità, rendendo la scossa ancora più devastante in quanto non ha potuto sprigionare la sua forza all’interno della crosta terreste.

I morti accertati fino ad ora sono oltre settanta, numero destinato inevitabilmente a salire.

Tanti i cilentani che lavorano e vivono nella zona interessata dal terremoto tra cui il presidente della Fondazione Angelo Vassallo, Dario Vassallo, fratello del sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre 2010. Dario è dermatologo e da 11 anni lavora presso l’ospedale di Amatrice.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina