Cronaca

SALERNO – Da Coin dipendenti in assemblea sindacale

C’è malcontento e tanta preoccupazione tra i 13 dipendenti dello store Coin di corso Vittorio Emanuele, che vedono trascorrere i giorni senza avere indicazioni relative al loro futuro occupazionale dopo aver saputo, agli inizi del mese scorso, che il punto vendita salernitano della popolare catena di negozi avrebbe chiuso i battenti dopo le festività natalizie.

Lunedì pomeriggio s’è tenuta una riunione sindacale che ha imposto la chiusura dello store dalle 16.30 alle 20.30, nell’ambito della quale i rappresentanti sindacali della Filcams Cgil hanno provato a dare risposte ai numerosi “perché” dei lavoratori e – insieme a loro – cercare una soluzione alternativa al licenziamento.

Dopo l’incontro dello scorso 12 dicembre, che i rappresentanti delle organizzazioni sindacali hanno avuto con l’azienda, non ci sono state particolari novità se non la conferma della chiusura del negozio e la sostanziale incertezza per ciò che riguarda il futuro dei tredici commessi e di eventuali misure d’accompagnamento al reddito. Le motivazioni che hanno spinto la proprietà a decidere per la chiusura del negozio sono “lo scarso interesse economico e la scarsa remuneratività per il punto vendita di Salerno, ” anche se in realtà già nelle scorse settimane i dipendenti avevano palesato l’impressione che la decisione fosse stata presa da tempo. A testimoniarlo ci sarebbe un sempre minor rifornimento di merce del punto vendita, che «negli ultimi tempi – riferiva una dipendente – era sempre più spoglio» . Nel pomeriggio di lunedì è stata sostanzialmente ripercorsa tutta la vicenda, analizzando le proposte da sottoporre all’azienda per salvaguardare almeno il reddito dei 13 commessi.

Secondo quanto emerso nel corso della riunione, durata fino a tarda sera, sembrerebbe non essere percorribile l’ipotesi di un accesso agli ammortizzatori sociali; si sta invece ragionando sulla possibilità di chiedere di riassorbire i dipendenti in altri punti vendita della catena Coin. Al momento comunque – hanno fatto sapere i sindacati – non c’è alcuna procedura di licenziamento attivata dalla proprietà, anche se la data del 31 dicembre per la chiusura dello store, benché già scaduta, non è stata né ufficialmente revocata né prorogata

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina