Cronaca

Spaccio di droga, arresti tra Capaccio, Eboli e il napoletano

Su delega della Procura della Repubblica di Salerno, Direzione distrettuale antimafia, la Polizia di Stato – Squadra mobile di Salerno – ha eseguito nelle prime ore di ieri tre ordinanze applicative della custodia in carcere ed un’ordinanza applicativa degli arresti domiciliari, nei confronti di 4 indagati dimoranti a Capaccio, Eboli e Torre Annunziata. Ai quattro arrestati sono stati contestati i reati di illecita vendita di sostanze stupefacenti e estorsione.

I provvedimenti cautelari sono stati emessi all’esito di approfondite e complesse indagini condotte dalla polizia giudiziaria iniziate nel mese di febbraio del 2017 a seguito delle dichiarazioni rese da un indagato dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti. Fin dal principio dell’indagine la polizia giudiziaria raccoglieva informazioni in merito ad una serie di estorsioni correlate a pregressi approvvigionamenti di sostanze stupefacenti non pagati dagli acquirenti avvenute negli anni 2015-2016.

Secondo le dichiarazioni acquisite il gruppo criminale, facente capo all’indagato Salvatore Zingone, detto “Pocket Coffee” e all’indagato Gioacchino Silvestri, detto “Jack”, al quale partecipavano anche Mouhssine El Ghazaoui e Silvia Seno, era subentrato nella gestione del traffico di sostanze stupefacenti nel territorio di Capaccio Paestum, dopo l’arresto dei trafficanti ad un altro clan camorristico.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina