Serie D, il futuro si chiama Gelbison e Santa Maria

Serie D, il futuro si chiama Gelbison e Santa Maria

28 Settembre 2020 0 Di Redazione

Serie D, il futuro si chiama Gelbison e Santa Maria. I rossoblu si prendono una vittoria da sogno ma la Polisportiva non sfigura nello storico esordio.


Gelbison e Santa Maria, nel pomeriggio di ieri, hanno dato vita a un esordio spettacolare per la stagione 2020/2021 del campionato di Serie D. Alla fine l’hanno spuntata i rossoblu dopo una rimonta da sogno ma la Polisportiva ha dato comunque un ottimo segnale per il futuro.

Serie D, l’analisi tattica del derby

La gara, per quanto rocambolesca, ha dato segnali importanti a tute e due le squadre. La Polisportiva escluso il pesantissimo passaggio a vuoto ha dimostrato di essere organizzata e guidata da un ottimo tecnico come Gianluca Esposito che in sostanza era il maggior artefice del risultato fino allo 0-2.

Dall’altro canto la Gelbison ha evidenziato al sua forza. Quella di una squadra capace di ribaltare il risultato anche pescando dalla panchina. Protagonista della sfida il numero dieci Gianmarco Tedesco un po’ in ombra nel primo tempo ma in assoluto il migliore in campo nella ripresa con un assist e un gol da cineteca.

Serie D, il futuro è qui

Ma risultato a parte, come detto, il futuro è di queste due compagini. Serie, attrezzate e professionali. Guidate da due signori del calcio dilettantistico. La certezza, almeno per quanto visto fino a oggi. è che il nostro Cilento sarà egregiamente rappresentato nella categoria anche per questa stagione.

(40)