AttualitàPRIMO PIANO

Scafati, la DAD supera il limite: alunni bendati durante le interrogazioni

Scafati, la DAD supera il limite: alunni bendati durante le interrogazioni. Bufera sui social.


Una docente di un liceo ha costretto gli alunni a bendarsi per non sbirciare gli appunti durante le lezioni a distanza. Le immagini
arrivano da Scafati, nel salernitano. Non è proprio l’immagine migliore della Didattica a Distanza. L’insegnante protagonista dell’accaduto insegna latino e greco. Coinvolte nel caso dovrebbero essere due studentesse.

Scafati, la DAD supera il limite: alunni bendati durante le interrogazioni

L’Istituto in questione è il Liceo Renato Caccioppoli di Scafati. Il metodo educativo della professoressa in questione non è passato inosservato e alcuni studenti hanno sottoposto la questione al preside Domenico D’Alessandro che al momento non sembra aver preso alcun provvedimento né le distanze dalla malsana metodologia della zelante professoressa.

Il preside, intervistato dall’Ansa, ha commentato: “Si trattava di un esempio per dimostrare ai ragazzi che non hanno bisogno di sbirciare”. Sul caso è intervenuto il consigliere regionale di Verdi Francesco Emilio Borrelli: “Bendare gli studenti è sicuramente un metodo non ortodosso, per questo abbiamo scritto alla scuola per chiedere spiegazioni e capire come sia potuto accadere. Ci saranno sicuramente altri metodi per evitare che i ragazzi, durante un’interrogazione, sbricino dal libro. Abbiamo inoltre presentato un’interrogazione all’assessore regionale per la Pubblica Istruzione, Lucia Fortini, per capire come sia potuto avvenire ciò e per chiedere di verificare se questo accade anche in altri istituti”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina