Salerno, Venerdì Santo: il programma dell’Arcidiocesi

Salerno, Venerdì Santo: il programma dell’Arcidiocesi

10 Aprile 2020 0 Di Redazione

Alle ore 14:30 si terrà la benedizione per gli ammalati nell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. A seguire un tragitto lungo la città fino alla Cattedrale. Il tutto sarà visibile in diretta televisiva

Oggi si celebra il Venerdì Santo e nonostante le restrizioni poste a causa della quarantena da Covid-19 l’Arcidiocesi si è organizzata per la commemorazione. Infatti mons. Andrea Bellandi questa mattina alle ore 14.30 impartirà la benedizione per gli ammalati con la Spina Santa nel piazzale dell’azienda ospedaliera di Salerno San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Dopo la benedizione, l’Arcivescovo attraverserà la città per giungere alla Cattedrale. Invece il mezzo utilizzato sarà un pick-up messo a disposizione dei volontari dell’Humanitas di Salerno. Infine, alle ore 15:00, orario della morte di Gesù sulla croce, sulla scalinata della Cattedrale mons. Bellandi terrà una preghiera di benedizione per la città e l’arcidiocesi.

Il percorso

Lungo tutto il tragitto sarà garantito un servizio di scorta dell’Arma dei carabinieri. Infatti l’Arcidiocesi raccomanda: “è assolutamente fatto divieto alle persone di scendere in strada o di sostare presso i portoni di casa. I controlli saranno oltremodo rigidi in tal senso”. Pertanto lo scopo è “non provocare un ritorno di immagine negativo verso tale manifestazione e la stessa Chiesa”. Infine, bisognerà preservare il silenzio. Questo il percorso: Via San Leonardo, piazza Mons. Grasso, via Trento, piazza Caduti di Brescia, via Posidonia, via Torrione, corso Garibaldi, via Roma, via Duomo, piazza Alfano I. Il tutto però potrà essere seguito attraverso la diretta di Tele-Diocesi canale 73 del digitale terrestre.

Il Venerdì Santo

Per i cristiani il venerdì Santo rappresenta il venerdì che precede la Pasqua con il quale si commemora la Passione di Cristo, ovvero la sua crocifissione. Pertanto, si è invitati ad astenersi dal consumo di carne. Tale gesto si compie in segno di penitenza per i peccati degli uomini che Gesù espierà nella Passione.

Pierfrancesco Maresca

(79)