Cronaca

PERDIFUMO – A Palazzo De Vargas assegnato il “Premio Aniello De Vita”

Il Premio itinerante dedicato al medico cantore Aniello De Vita – che da due anni sta percorrendo, con i suoi appuntamenti, tutto il Cilento premiando le eccellenze viventi cilentane – ha fatto tappa, il 12 dicembre alle ore 20.00, in un luogo simbolo dell’eccellenza culturale: la Fondazione di Alta Cultura “Gianbattista Vico”.

«Il Premio “Aniello De Vita” – rimanendo fedele alle finalità che lo hanno ispirato, continua a valorizzare e a premiare le eccellenze “viventi” che hanno dimostrato amore per il Cilento», così sottolinea il Direttore Artistico, Carlo Sacchi, anticipando i nomi delle quattro personalità che – nel corso della serata – sono state premiate presso palazzo De Vargas: Vincenzo Pepe “per la cultura”; Gerardo Prota “per la pittura”; Angelo Niglio “per la promozione culturale”; Antonio Rinaldi “per la medicina”.
La serata è stata condotta dal poeta Peppino De Vita, fratello del compianto Aniello, che ha recitato le sue straordinarie poesie. Ospite il cantautore cilentano Paolo Carbone.

E proprio Peppino De Vita è stato uno dei primi ad essere insignito del premio – nella sua Prima edizione – per essersi dimostrato superlativo nella recitazione delle proprie poesie. Insieme al fratello di Aniello De Vita, premiati anche Mario Romano per “l’arte pittorica”, Pasquale La Palomenta per “l’arte botanica” e Dino Baldi, direttore del mensile “Cronache Cilentane”. Nella seconda edizione – che si è svolta lo scorso marzo a Laurino – i premiati sono stati: Bruno Aloia, “poeta del legno” per “l’Arte scultorea”, Gaetano Pacente per “la Medicina”, Marcello Federico per “l’Editoria”, Pino Veneroso per le “imprese eccezionali”. E ancora: il Prof. Amedeo La Greca, per “l’Editoria”; Don Guglielmo Manna, per la “Cultura religiosa”; per la categoria “Sport”, Giulia Iannotti; il Dott. Giuseppe Cernelli, per la “Medicina”; per “l’Arte” lo scultore Rocco Cardinali; per la “Cultura letteraria”, il Prof. Antonio La Gloria. Invece, nell’ultima edizione, sono stati insigniti del Premio “Aniello De Vita: Maria Rosaria Verrone per la sezione “Pittura”; per la sezione “Informazione e Comunicazione” , Antonietta “Gwendalina” Scelza; per la sezione “Ambiente e Sviluppo”, premiato il Direttore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, l’Ing. Angelo De Vita; il vignettista Corrado Lucibello per la sezione “Umorismo figurativo”.

I prossimi appuntamenti si terranno a Celle di Bulgheria e a Sapri.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina