Attualità

Parco – Niente contributi alle sagre, si lavora alla rete del gusto della dieta mediterranea

Niente più contributi alle sagre gastronomiche, queste le parole rilasciate qualche giorno fa dal presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino.

Un monito per quanti organizzano sagre in tutto il territorio del Cilento. Il motivo è semplice, la maggior parte delle sagre non ha come obiettivo la valorizzazione dei prodotti della dieta mediterranea, e non mantengono un rigore sulla raccolta differenziate.

L’obiettivo di queste sagre è prettamente commerciale. Per questo è necessario parlare di una “Rete del Gusto della dieta mediterranea.

Pellegrino pensa ad un disciplinare a cui l’ente Parco sta lavorando in collaborazione con Legambiente per fare in modo che si possa iniziare a parlare di “Ecosagre”, anche utilizzando materiale riciclabile e rispettando le buone prassi legate alla raccolta differenziata nel corso di questi eventi.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina