AttualitàPRIMO PIANO

Non potevano mancare i furbetti del vaccino

Non potevano mancare i furbetti del vaccino. Anche a Vallo della Lucania qualcuno ha provato a vaccinarsi nonostante fosse “fuori lista”.


Esaurite le dosi di vaccino in Campanina. L’antidoto al Covid 19 prodotto dalla Pfizer-Biontec è andato esaurito in tutti i presidi ospedalieri della Regione.

Non potevano mancare i furbetti del vaccino

A dare la notizia il presidente Vincenzo De Luca che denuncia apertamente la sperequazione nella distribuzione dei vaccini da parte della protezione civile nazionale. Secondo il Presidente, il commissario straordinario Domenico Arcuri, non avrebbe provveduto ad una distribuzione  proporzionale al fabbisogno reale della regione avvantaggiando altri territori rispetto alla Campania.

Intanto dai presidi ospedalieri dal salernitano risulta il tutto esaurito, le dosi di vaccino programmate all’inizio di gennaio sono stato tutte inoculate a medici e a personale ASL che a turno hanno ricevuto il vaccino in base a criteri prioritari che vedevano primi gli operatori maggiormente esposti al rischio di infettare e di infettarsi con il Covid.

Non è tardata ad arrivare la replica di Arcuri, che in Rai a Mezz’ora in più si è complimentato con De Luca chiedendosi retoricamente cosa sarebbe successo se il governatore avesse tenuto i 60mila vaccini ricevuti in un freezer senza somministrarli.

Le vaccinazioni sono andate fortunatamente bene fino e la macchina della vaccinazione ha funzionato alla perfezione. All’ospedale di Vallo della Lucania è stata infatti conclusa la prima fase di vaccinazione, oggi e domani invece saranno iniettate – sempre agli operatori sanitati le ultime 200 dosi presso l’ospedale di Agropoli prima dell’arrivo della nuova fornitura che stando alle prime indiscrezione dovrebbe arrivare mercoledì.

Fino ad oggi a vallo sono stati eseguiti 2300 vaccini quasi mille in più rispetto agli originari 1380 programmati all’inizio del piano di vaccinazione. In tutto questo però non sono mancati gli episodi di abusivismo, quelli che poi verosimilmente nel tempo diventeranno aneddoti…

Si è registrato infatti ieri un fenomeno per il quale uno spropositato flusso di persone estranee al sistema sanitario, ha tentato di vaccinarsi con false dichiarazioni di appartenenza ad aziende sanitarie senza essere vero. “Cosa vergognosa!” dichiara uno degli operatori impegnato nel funzionamento della macchina del vaccino al San Luca.

Dal Covid surgery gli operatori confermano la propria disponibilità a prestare il proprio lavoro per tutti, con priorità ai sanitari e alle categorie fragili… mettendo alla porta i furbetti della prima ora che cercano di accaparrarsi il vaccino senza averne priorità, bisogno e titolo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina