AttualitàPRIMO PIANO

Campania Zona Arancione, cosa cambia da domenica

Campania Zona Arancione, cosa cambia da domenica. Tutti i dettagli con l’ammorbidirsi delle limitazioni.


La zona arancione in Campania entrerà in vigore a partire da dopodomani, domenica 6 dicembre 2020. Il Ministro della Salute, con cadenza settimanale, provvede all’aggiornamento dell’ordinanza. Quindi, si potrà cambiare colore ogni settimana

La Campania, dunque, passa ad alto rischio Coronavirus (rossa), a zona con rischio medio-alto.

Cosa cambia?

Seguendo le direttive del DPCM del 4 novembre, firmato nella giornata di ieri dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, indichiamo i cambiamenti in Campania.

  • SPOSTAMENTI FRA REGIONI: è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • SPOSTAMENTI FRA COMUNI: è vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.
  • ATTIVITA’ DI RISTORAZIONE: sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
  • NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI: Si applicano le misure previste per l’intero territorio. Le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla
    distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti
    agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole. Fino al 6 gennaio 2021, l’apertura degli esercizi commerciali al dettaglio è consentita fino alle ore 21.00.
  • Chiuse attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie. Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.
  • Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.
  • Riaprono i centri sportivi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Rilevato blocco pubblicitario

Abbiamo rilevato che hai attivato un software per il blocco delle pubblicità. La nostra testa online ha bisogno di queste inserzioni per rimanere attiva e garantire un servizio di qualità. Non ti chiediamo nulla se non di vedere qualche banner in cambio di notizie aggiornate. Grazie La TV di Gwendalina